Allarme aterosclerosi nei Paesi Occidentali

Nuove misure per dire stop all’epidemia

L’impatto della malattia aterosclerotica nel mondo occidentale è ancora drammatico e
inaccettabilmente elevato: le sindromi coronariche acute e la patologia occlusiva cerebro-
vascolare (ictus/TIA) colpiscono ogni anno nel nostro Paese oltre 350 mila soggetti. I dati
che testimoniano di un calo di queste affezioni sono da salutare con grande
soddisfazione, ma non devono indurci ad attenuare l’attenzione al problema e gli sforzi
per contrasta questa “epidemia”. Tanto più che le proiezioni relative ai prossimi 20 anni
riportano ancora la malattia aterotrombotica non solo come prima causa di mortalità e
morbilità, ma anche di invalidità. Se un calo si è registrato, molto si deve all’aver
contrastato attivamente, negli ultimi decenni, i fattori di rischio come l’ipertensione
arteriosa, il diabete, l’elevata colesterolemia. Il prossimo obiettivo è quello di individuare
nuovi fattori di rischio (oltre 1/3 dei soggetti con eventi aterotrombotici non presenta
nessuno di quelli “classici”) e di combatterli adeguatamente.Alcuni di questi fattori non
sono in realtà “nuovi”, ma devono essere affrontati con rinnovati interesse ed impegno. È
il caso della sedentarietà: una moderata attività fisica riduce significativamente il rischio
aterotrombotico e dee essere promossa a tutti i livelli, dall’età scolare fino a quella
anziana. Altri, come l’arteriopatia aterosclerotica degli arti inferiori, rappresentano in
realtà malattia aterotrombotica già conclamata e devono essere trattati in modo
aggressivo: questi concetti vanno divulgati con maggiore impegno e la diagnosi di
arteriopatia periferica va ricercata con puntiglio. Il percorso per i prossimi anni non è
semplice, ma esistono margini per un’ulteriore riduzione del rischio aterotrombotico.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s